SACRE MEDITAZIONI – UN FESTIVAL AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

il Polifonico: pur tra difficoltà e rinvii porteremo a termine il progetto


In tempo di coronavirus le manifestazioni culturali in genere e quelle musicali in particolare hanno subito tagli, cancellazioni, rinvii e difficoltà di ogni genere nella loro programmazione. Non fa eccezione il festival di musica corale ‘Sacre Meditazioni’ ideato dal Polifonico di Ruda con il sostegno della Regione, della Fondazione Friuli e della Danieli e la collaborazione di diverse amministrazioni comunali, proloco e parrocchie dove il progetto era stato previsto.

Il ciclo concertistico è partito regolarmente da Gradisca d’Isonzo agli inizi di febbraio; poi, per i motivi noti a tutti, sono arrivate le disdette, i rinvii e le cancellazioni che hanno obbligato gli organizzatori a dei veri e propri salti mortali pur di salvare il progetto. L’apertura è stata di livello internazionale con il concerto del Neuer Kammerchor di Heidenheim (Germania) diretto da Thomas Kammel, mentre i cori “Luvoce ladies singers” di Tegou (Corea del sud) e dell’Università di Senzoku (Giappone) hanno declinato gli inviti. Sono stati bloccati in patria dai rispettivi governi. Poi è arrivato il rinvio del concerto di Artegna. Ma il Polifonico non si è abbattuto e ha riprogrammato il concerto delle donne coreane per il prossimo settembre, nella parrocchiale di Trivignano udinese. “Prima di alzare bandiera bianca – ha detto il presidente Adriano Pelos – vogliamo percorrere tutte le strade possibili per permettere al coro di esibirsi in Friuli. Speriamo che questa emergenza possa finire in breve per poi ripartire ancora con maggiore energia e fiducia”.