CORORGANO: CARTELLONE CHE HA SCONFITTO IL COVID-19

Organizzato dal Polifonico di Ruda – Cinque appuntamenti di successo

Cinque appuntamenti con la musica classica per coro e organo che hanno riscontrato grande successo e che hanno sconfitto le paure legate al Coronavirus. E’ stata l’edizione 2020 di Cororgano, cartellone organizzato dal Coro Polifonico di Ruda con il sostegno della Regione, del Mibact e dalla Danieli. Protagonista di questa edizione è stato quindi il pubblico che ha superato le difficoltà di questa fase dimostrando che la musica può e deve ritornare ad unire le persone al di là delle difficoltà di questi mesi legati alla pandemia.

Partito dalla chiesa evangelico luterana di Trieste a fine luglio, Cororgano si è poi spostato a Talmassons, Marano Lagunare, Prato Carnico ed Aquileia con diversi protagonisti e con le chiese sempre sold out compatibilmente con le regole del Covid-19. Diversi i protagonisti dell’edizione 2020: ha aperto i concerti la performance del coro Artemìa di Torviscosa mentre grande spazio è stato dato alla musica organistica con i concerti del duo Enrico (organo) e Valeria (violino) Zanovello e dell’organista Manuel Tomadin. Il finale invece ha visto protagonista il Polifonico di Ruda che ha proposto parte del suo vasto repertorio nei concerti di Prato Carnico ed Aquileia.

Nei cinque concerti si sono potuti ascoltare anche gli organi delle chiese di Trieste, Talmassons e Marano – esempi di un patrimonio davvero molto importante – spesso poco utilizzati e che il cartellone di Cororgano si è invece incaricato di valorizzare anche per assecondare gli investimenti della Regione dopo il sisma del 1976. Particolarmente soddisfatto il board del Polifonico che ha voluto organizzare il festival nonostante le difficoltà del momento. ‘’L’alternativa – ha detto il presidente – era non fare nulla. E questo proprio non si addice al nostro coro, punto di riferimento per il movimento a livello regionale e nazionale’’.